Home Attivita'
Benvenuto a scuola PDF Stampa E-mail

SERAFINO

Il Serafino è riuscito a costruirsi nel tempo una forte identità, che ha permesso di riconoscere il compito e la funzione della Scuola dell’Infanzia.

  • Compito è permettere un’alta socializzazione, interazione e autonomia.
  • Funzione è intesa come apprendimento.

Ogni bambino ha una storia personale, è un soggetto attivo, curioso, interessato a conoscere e a capire e aperto alle relazioni sociali.

L'evoluzione della società propone i bambini come nuovi soggetti. Soggetti personali, famigliari e, al tempo stesso, sociali. I bambini, d'altra parte, sollecitati da una miriade di stimoli, reclamano attenzione, presenze, beni materiali e non,  che mettono in crisi la famiglia.

Si forma così una domanda nuova - personale, famigliare, sociale - di educazione e formazione peculiari dei primi anni di vita. Gli studiosi dell'infanzia concordano nell'indicare la ricerca di formazione integrale come la via da percorrere per rispondere alle attese dei bambini, delle famiglie e della società. Ciò implica un impegno rigoroso della famiglia e della scuola per l'infanzia.

L'indicazione che scaturisce dai nuovi orientamenti per la scuola dell’infanzia, in tal senso, è puntuale. In essi si afferma che lo sviluppo armonico e integrale della personalità del bambino implica il riconoscimento di esigenze di ordine materiale e, più ancora, non materiale. Esigenze a cui rispondono la costante attenzione e la disponibilità da parte dell'adulto; la stabilità e la positività delle relazioni; la flessibilità e l'adattamento a nuove situazioni; l'accesso a più ricche interazioni sociali; l'acquisizione di conoscenze e competenze; la possibilità di esplorazione, di scoperta, di partecipazione e di comunicazione; la conquista dell'autonomia; il conferimento di senso alle esperienze. Tutto questo in un clima di affettività e gioiosità ludica.

Per muoversi su questa linea, le famiglie devono poter contare su una scuola per l'infanzia che realizzi l'obiettivo di rendere la scuola stessa una luogo significativo di apprendimento, di socializzazione e di animazione.

Per agevolare il cammino formativo condividiamo e promuoviamo alcuni aspetti fondamentali:

  • il Benessere: si realizza quando sviluppiamo la capacità di comunicare e di agire, assumendo atteggiamenti positivi nella soluzione dei conflitti;
  • la Comunicazione: attraverso lo scambio e il dialogo costruiamo qualitativamente il rapporto con noi stessi  e con gli altri;
  • l’Identità: le esperienze affettive, sociali e cognitive ci aiutano ad affinare progressivamente le nostre potenzialità, a conquistare atteggiamenti di sicurezza, autostima, controllo delle emozioni, sensibilità verso gli altri;
  • l’Autonomia: intesa come finalità da conquistare progressivamente, ci coinvolge nella maturazione delle capacità di rapportarsi, implica il rispetto delle scelte personali, della libertà di pensiero, della possibilità di modificare e di considerare i diversi punti di vista;
  • la Competenza: si costruisce attraverso la costruzione di conoscenze e abilità, la formazione di concetti e l’affinamento di strategie.

Progettare è l’azione che mettiamo in campo in ogni fase del nostro lavoro, sia nelle scelte educative e organizzative, sia nelle decisioni metodologiche e didattiche.

Progettare è una competenza che realizziamo in una situazione di partecipazione e di cooperazione, attraverso il dialogo e le risorse professionali e umane. Quando si progetta si fa riferimento a teorie e modelli dei quali dovremmo essere consapevoli.

Gli studi e le ricerche psico-pedagogiche, ci pongono di fronte alla necessità di rivedere sempre i nostri punti di riferimento e di chiarire un nuovo linguaggio.