Accesso Utente



Attività didattiche

Nella galleria immagini sono disponibili le foto delle attivita' didattiche ed esercizi da completare suddivisi per aree di apprendimento. Per accedere, potete richiedere la password all'insegnante!
 10 visitatori online
Home
Aggiornamenti
Festa dell'Estate 2014
Martedì 10 Giugno 2014 16:03

Festa dell'Estate 2014

 
Convegno “Montessoriani e Nativi digitali, quali sfide per il metodo”.
Venerdì 14 Febbraio 2014 13:18

Il 14 febbraio 2014 si terrà alla Farnesina il Convegno “Montessoriani e Nativi digitali, quali sfide per il metodo”.

L’evento sarà aperto dal Sottosegretario agli Affari Esteri Mario Giro alle ore 9.30. All’incontro parteciperanno anche il Sottosegretario all’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Gabriele Toccafondi, il Presidente dell’ANINSEI, Luigi Sepiacci e il Direttore Generale per le Risorse e l’Innovazione del Ministero Affari Esteri, Elisabetta Belloni.

Il Convegno si propone di approfondire l’evoluzione delle modalità di apprendimento della nuova generazione di bambini, i cosiddetti “Nativi Digitali”, traendo spunto dai risultati di un’esperienza che ha visto l’introduzione di tablet tra i materiali didattici dell’asilo del Ministero Affari Esteri.

Alla luce degli esiti di tale sperimentazione Montessoriani, esperti e professionisti dell’educazione, riflettono su opportunità e limiti dell’uso delle nuove tecnologie nel percorso formativo del bambino, ipotizzando differenti possibili scenari futuri.

Montessoriani Nativi Digitali 2014

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Metodologia

Nido e Infanzia

Il metodo a cui si ispira la Scuola per l'Infanzia IL SERAFINO è la “via funzionale” al raggiungimento dell’obiettivo che ci si pone, ai criteri aspiratori dell'azione, allo stile e al modo di operare. In questo caso specifico, parliamo di pedagogia, di didattica e di strumenti che si utilizzano sempre per raggiungere l'obiettivo della Scuola.

Scuola Primaria

Il metodo a cui si ispira la Scuola Primaria IL SERAFINO si basa su un insegnante quale punto di riferimento fermo e sicuro e di insegnanti che si inseriscono per correlare le attività didattiche di inglese, musica e attività psicomotoria.

Laboratori

Sia nell'Asilo Nido che nella Scuola dell’Infanzia sono previsti:
  • un laboratorio di lingua inglese coordinato da due insegnanti specialiste (madrelingua);
  • un laboratorio di educazione musicale coordinato dall’insegnante specialista;
  • un laboratorio di educazione psicomotoria coordinato dall’insegnante specialista;
  • un laboratorio teatrale con la collaborazione dell’insegnante della scuola infanzia  ed alcuni collaboratori di sezione.
  • un laboratorio sulle emozioni coordinato dalle insegnanti di sezione;
  • eventuali proposte interessanti che scaturiranno durante l’anno scolastico.

Insegnanti

Gli educatori della Scuola per l'Infanzia

Gli educatori della Scuola per l'Infanzia, coerenti ai principi educativi, non sono dispensatori di saperi, ma strumenti al servizio delle potenzialità del bambino. Bambino capace di autorealizzazione. Pertanto, essi si pongono come accompagnatori dell'esperienza e della crescita del bambino in una relazione di aiuto, divenendo parte integrante del suo processo di maturazione personale.

Gli insegnanti della Scuola Primaria

L'insegnamento nella Scuola Primaria si basa su un insegnante quale punto di riferimento fermo e sicuro e di insegnanti che si inseriscono per correlare le attività didattiche di inglese, spagnolo, musica e attività psicomotoria. Gli insegnanti della scuola primaria IL SERAFINO, coerenti ai principi educativi, sono strumenti al servizio delle potenzialità del bambino.

Spring

La Spring, è un ambiente della scuola d’infanzia, che accoglie bambini dai 24 ai 36 mesi, un’età transitoria per la costruzione di un percorso formativo (dai piccoli ai grandi) continuo.  Il Serafino tiene conto che nel ciclo dell’infanzia, si sperimenta un curricolo aperto, che parte dalla concretezza del bambino, dei suoi modi di guardare e apprendere e al tempo stesso guarda al futuro, ai traguardi di sviluppo, In tale ottica, porsi in continuità significa riuscire a non separare le diverse dimensioni dello sviluppo, a sviluppare percorsi che non siano rivolti esclusivamente al settore cognitivo o alla sfera socio-affettiva, poiché lo sviluppo dell’intelligenza è un processo che si alimenta con l’affettività e la passione del conoscere, nelle situazioni di scambio e di relazione con l’altro, nella condivisione dei significati affettivi, simbolici e culturali, da attribuire alle esperienze.

Progetti

Progetti Scuola Primaria